fasala.ru

Gli uccelli arrabbiati hanno attaccato il mio gatto e io l`ho rotto - completamente nudo

RAAAAAAWK! Angry Birds. Gli uccelli sono pazzi da morire. Uccelli con una missione da cui nessuno li terrebbe. In un pomeriggio recente li ho sentiti nel mio cortile. Ho immaginato uccelli grandi e cattivi. Corvi, forse. O corvi. Uccello come questi:

RAAAAAAWK! Più uccelli Poi ho sentito la mia ragazza, Daphne, urlare. Lei urlò di nuovo. Poi una terza volta - era più un lamento. Ero in camera da letto. Daphne era uscita per innaffiare le piante e il giardino. Era accompagnata dal nostro gatto, Thomas. Ho immaginato qualcosa del genere:

RAAAAAAWK! Gli uccelli continuano a urlare. Daphne continua a urlare. All`improvviso ero in "tempo di terremoto", quando i secondi sembrano durare ore. Altre chiamate di uccelli. Altre urla umane. Lei e Thomas erano sotto attacco.

Tangente: quello che ho immaginato dopo è davvero duro. Quindi, se non vuoi leggerlo, salta questo paragrafo. Era il 1992. Vidi un enorme uccello nero uccidere un gatto. L`uccello aveva le stesse dimensioni del gatto a pelo lungo grigio scuro. Avevo circa 23 anni, vivendo in una piccola comunità sul lago nel nord della California. Ero al mattino, e ho visto un trambusto in lontananza attraverso una strada trafficata. Sembrava un grosso mucchio di cartone e foglie gettate nel vento creato dalle macchine che passavano. Poi vidi l`orrore: l`uccello si allargava e sbatteva leggermente le ali, sollevando il gatto in aria e beccandogli forte gli occhi e la testa. Quando sono arrivato lì e ho potuto attraversare la strada, il gatto era molto morto e l`uccello era sparito. Ero inorridito oltre le parole. La natura aveva fatto il suo corso e io ero impotente a fermarlo. Ero in ritardo Non avevo idea di cosa fare. Ero così scosso, mi sono girato e ho continuato la mia corsa. Non ne ho parlato a nessuno, fino ad ora. È ancora molto difficile da pensare.

Quindi, in questo giorno, il terrore ha riempito il mio cuore. Immaginavo grandi uccelli neri che uccidevano Thomas e attaccavano Daphne per tenerla lontana mentre completavano il compito. Pensavo che il mio mondo stava per cambiare in un modo terribile.

Inoltre: ero nudo.

Daphne e io eravamo appena tornati a casa dal lavoro. Ero nel bel mezzo del cambio di vestiti - destra nel bel mezzo del cambio di vestiti. La nudità era irrilevante. Avrei buttato giù una porta del caveau di una banca per andare là fuori. La mancanza di vestiti non fermerebbe il mio intervento. Non avevo intenzione di lasciare che la natura facesse il suo corso questa volta. Daphne e Thomas avrebbero potuto essere nel davanti cortile per tutto quello che mi importava, e mi piacerebbe ancora correre da loro, vestiti o meno.

Non l`ho fatto nel cortile di casa. Ho incontrato Daphne e Thomas nel garage, dove si erano ritirati. Non ho trovato un branco di grandi uccelli neri. Invece, sul pavimento del garage, trovai qualcos`altro che era nudo e molto vulnerabile - una baby pezzata di ghiandaia che era caduta dal nido, seduta sul suo sedere con le gambe allargate verso l`esterno. Quando dico "piccola" intendo adolescente. Questo uccello era grande come i suoi genitori ma con una forma "baby" grassottella e arrotondata. L`uccello conservava i caratteristici grandi occhi rotondi, il becco corto e le piume pelose di un giovane.

Baby Bird mi ha rivolto lo sguardo con gli occhi spalancati. Ha urlato a lungo e ad alta voce - RAAAAAAAAAAAAWK! - come se volesse che gli dessi da mangiare, o per fermare il rumore infernale e il gatto che lo aveva portato fuori dal cortile. I suoi genitori erano fuori, un paio di grandi ghiandaie sane che conoscevo bene dai recenti scontri. (Scrub jays sono cattivi anche nei bei giorni.) RAAAAAAWK!

Era una situazione disperata.

Non avevo vestiti.

Così ho aperto la porta della cucina, ho preso Thomas, l`ho messo dentro e ho chiuso la porta. Gatto, assicurato.

Allo stesso tempo, Daphne raccolse il giovane uccello, che stava ancora urlando, ma apparentemente incolume. L`abbiamo accompagnato fuori nel bombardamento aereo dei suoi genitori e l`abbiamo messo giù. Uccello, assicurato.

Abbiamo visto un altro nascente a terra fuori, saltellando ma incapace di volare. Questo non sembrava un incidente. Questi uccelli non erano caduti dal nido. Questa era una missione di addestramento, la loro prima. Thomas aveva camminato dritto dentro. Anch`io. Rimasi nudo nella calura pomeridiana, con quattro ghiandaie che urlavano, due di loro ancora che affliggevano Daphne e me. Rapidamente siamo entrati. Umani, assicurati.

Mentre mi sono vestita, Daphne ha studiato il comportamento degli uccelli online. Avevamo ragione: questa era probabilmente la prima missione di addestramento dei giovani. Questi uccelli non tornerebbero al nido. I genitori avrebbero badato ai due giovani e li avrebbero aiutati a imparare a volare. Il processo potrebbe richiedere solo due giorni, abbiamo imparato, ma potrebbe durare anche due settimane.

Poi e là Daphne e io decidemmo di fare tutto il possibile per aiutare quegli uccelli. Avevo il controllo di un predatore, Thomas. Ma ce n`erano di più. I procioni hanno regolarmente feste nel nostro cortile (rovesciare il bagno degli uccelli, scavare buche, usare un cortile laterale come una latrina), quindi sapevo che anche loro erano un pericolo. Faremmo quello che potremmo e, con il nostro alloggio, i giovani uccelli imparerebbero a volare e crescere.

Questa volta, tutti vivrebbero.

Daphne ed io abbiamo rischiato di essere di nuovo bombardato con le bombe per mettere fuori una scatola da scarpe con degli asciugamani di carta, che gli uccelli potrebbero usare come un nido di surrogati. Mama e Papa Bird, tuttavia, hanno trovato qualcosa di meglio. In una sezione della nostra recinzione, l`ingraticcia forma dei piccoli cubicoli, proprio sotto l`albero che conteneva il nido. La mamma e il papà ci tenevano molto d`occhio, strillavano e mordevano qualunque mammifero che si avvicinava.

I prossimi giorni non furono facili.

Inizierò spiegando perché Thomas è un grande gatto. È attivo e offre un notevole intrattenimento quando suona. Ama i visitatori. Lui non butta via banchi e credenze. Si trova solo circa due volte all`anno. I peli di gatto sono un così non-problema in casa mia che penseresti che nessun gatto vivesse qui. Il suo unico inconveniente? È un moccioso di grado A quando si tratta di cibo e privilegi all`aperto.

Io e Daphne gli permettiamo nel cortile di casa condizionatamente: durante il giorno, quando siamo a casa, e quando il tempo è bello. Rimane nel cortile. Insegue insetti, guarda uccelli, dorme su una sedia di legno e "si nasconde" nella vegetazione vicino al nostro giardino. Ma quando il gatto vuole uscire, il gatto vuole uscire.

Immagina il suo sgomento quando lo abbiamo tenuto in casa in giornate luminose e soleggiate - con uccellini visibili dalla porta scorrevole e la finestra della camera da letto.

"CIBO! CIBO! GUARDA! C`È IL CIBO! GIUSTO, UOMINI STUPIDI! CHE COSA STAI ASPETTANDO? APRI LA PORTA! APRI LA PORTA!"

Non c`è modo. Thomas era un gatto al coperto fino a nuovo avviso. Se lo facessimo uscire, avrebbe preso Baby Bird n. 1 o n. 2 e, nel processo, avrebbero avuto la mamma e il papà lui. Il primo ministro era così protettivo, infatti, che anche Daphne e io restammo fuori dal cortile. Ogni volta che siamo usciti per controllare la situazione:

RAAAAAAWK! RAAAAAAWK!

Uno o entrambi i genitori erano in faccia, appesi a una grondaia oa un ramo di un albero a livello degli occhi.

RAAAAAAWK! RAAAAAAWK!

Questi ragazzi erano impavido.

Dopo cinque o sei giorni, sembrava che non avremmo mai riavuto il nostro cortile. Ma eravamo pazienti - a differenza di Thomas. Per due dei giorni durante questo blocco ho lavorato da casa, e sono diventato esperto nel mettere a punto il rrrrrrrrrOWOWWWWW quasi costante! che Thomas ha consegnato. ("Vivrai", continuavo a dirglielo.)

Poi un giorno, gli uccelli arrabbiati se n`erano andati. Siamo entrati nel cortile senza un raaaaaawk. Ci siamo seduti al nostro tavolo patio per 10 o 15 minuti, solo per essere sicuri. Poi siamo entrati e siamo tornati più tardi. Poi abbiamo portato Thomas. Tutto era chiaro

Non sappiamo se Baby Birds n. 1 e 2 ce l`abbia fatta. Non li abbiamo visti volare via, ma i loro piccoli cubbies non hanno mostrato segni di un raid di procioni.

Speriamo che ce l`abbiano fatta. Non so molto del comportamento degli uccelli, ma se i piccoli tornano l`anno prossimo allo stesso albero e vogliono iniziare le loro famiglie, il nostro cortile è il loro campo di allenamento.

E Thomas? Decisamente messa a terra.

Informazioni su Keith Bowers: Questo motociclista dalle spalle larghe, con la testa calva, ha anche passioni per vestiti taglienti, accessori d`argento, grande scrittura, arti e gatti. Questo giornalista professionista ama dipingere, scolpire, fotografare e salire sul palco. Una volta era chiamato "un mutante ad alta potenza", che descrive anche il suo gatto, Thomas. È anche editore associato presso Catster and Dogster.

Condividi su reti sociali:

Simile

© 2011—2020 fasala.ru